Terrorismo ISIS? Traffico di esseri umani? Traffico di droga?
Allora, stiamo parlando anche di traffico di veicoli!

Come sicuramente saprai, il contrasto alla criminalità “transnazionale” è ormai da anni una delle priorità di tutte le Forze di Polizia, non solo europee ma anche del resto dei Paesi, in particolar modo quelli che vengono “attraversati” per raggiungere o abbandonare il “Paese obiettivo”, prima/durante/dopo lo svolgimento delle attività criminali.

Purtroppo, ne sono un triste esempio alcuni degli ultimi attentati ISIS realizzati in diversi Paesi della UE.

Occultare la propria identità, ottenere il supporto economico per finanziare dette attività e disporre dei mezzi necessari agli spostamenti sono invece le principali preoccupazioni dei delinquenti.

Nella “logistica” criminale, la prima delle cose da fare è riuscire ad avere dei documenti di identità falsi (una carta d’identità e patente EU di “ragionevole qualità” si comprano per meno di 800 Euro su internet) e, successivamente, procurarsi le risorse economiche per finanziare le attività criminali principali.

A questo punto, cosa c’è di meglio, di più conveniente e più sicuro se non ricorrere alle innumerevoli opportunità offerte dal mercato dei veicoli?

Quando siamo in grado di celare la nostra identità con un documento contraffatto e riusciamo a disporre anche di un paio di carte di credito clonate (sempre in vendita su internet, per meno di 500 Euro), allora abbiamo a disposizione il “kit rental” completo ovvero, la possibilità di noleggiare una vettura da 40-50.000 Euro che possiamo poi rivendere – in meno di un giorno – al 50% del suo valore originale.

Ovviamente, se replichiamo la stessa operazione in simultanea presso più aziende di noleggio veicoli è facile comprendere come sia possibile reperire rapidamente ingenti somme di denaro con la consapevolezza che il rischio di essere “intercettati” è pressoché uguale a zero.

I controlli svolti durante le attività su strada come la verifica dei dati riportati sulle Carte di Circolazione, potrebbero non rilevare che il “mezzo in uso”  del soggetto controllato sia quello adoperato per la commissione di altre rilevanti attività criminali.

I delinquenti sanno benissimo che potrebbero attraversare quasi 2/3 del continente europeo senza dover passare per alcun tipo di controllo fisso di polizia (il trattato di Schengen ha abolito la maggior parte delle frontiere all’interno dello spazio europeo), pertanto sanno anche che per loro è più “sicuro” spostarsi da un Paese ad un altro “via terra” piuttosto che per “via aerea”.

Facciamo comunque attenzione a non perdiamo di vista un’altra realtà: dietro il traffico illecito di veicoli, non si nasconde solo finanziamento del terrorismo islamico, ma anche la logistica del traffico di esseri umani, di droga e di armi, oltre all’immigrazione illegale.

Quindi, se a questo punto siamo riusciti in qualche modo ad attirare la tua attenzione di Operatore di Polizia. rispetto alla necessità di incrementare l’efficienza dei controlli di polizia sui veicoli, allora siamo certi che sarà di tuo interesse anche quanto vogliamo dirti riguardo a IDvex, il più potente strumento di supporto per aiutare l’Agente di Polizia a realizzare una rapida ed approfondita analisi dell’identità di un veicolo su strada.

I nostri esperti (con 25 anni di esperienza nell’investigazione del fenomeno del traffico dei veicoli e che da oltre 20 anni formano a livello internazionale le polizie di molti Paesi, incluso per conto della UNODC), hanno sviluppato IDvex. Si tratta della prima APP (per iOS e Android) creata da un’entità privata e riservata esclusivamente per le Forze di Polizia, capace di offrire accesso a più di 180 ubicazioni dei “codici segreti” e di produzione, per l’identificazione di oltre 300 modelli di veicoli prodotti da 45 fabbricanti, attraverso oltre 15.000 tra immagini e video-tutorials.

La banca dati viene costantemente aggiornata con muovi modelli e la piattaforma IDvex permette anche di accedere all’informazione completa (immagini, misure di sicurezza e legislazione nazionale ed internazionale) su oltre 2.500 targhe provenienti da oltre 50 Paesi. IDvex dispone inoltre dell’unico analizzatore documentale di documenti di circolazione esistente sul mercato.

Se, come noi,  anche tu sei convinto che per prevenire e combattere efficacemente il traffico dei veicoli (e tutte le altre attività criminali ad esso collegate) è necessario disporre non solo di buone conoscenze tecniche ma anche di avanzati strumenti tecnologici, allora ti invitiamo a scaricare la APP IDvex (disponibile in Apple Store e Google Play) e a visitare poi la web www.idvex.eu dove troverai un formulario da usare per richiedere le tue credenziali per accedere gratuitamente ad una versione “demo”.

IDvex è disponibile in diverse modalità di accesso, sia per i singoli Operatori sia per i Comandi di Polizia Locale e delle Forze di Polizia nazionali.

Inoltre, a tutte le Polizie Locali che decideranno di adottare IDvex entro il 30.06.2022, sarà offerta la possibilità di ricevere un corso di formazione gratuito di 10h. (in formato webinar, per 10 dei loro agenti) sulla tematica della “Falsificazione Documentale e Identificazione dei Veicoli” e su richiesta, in collaborazione con l’Associazione Professionale IPTS, ad un costo convenzionato beneficiando del 20% di sconto per gli utilizzatori IDvex il corso professionale “Procedure e Protocolli operativi nei Posti di Controllo” della durata di 6h direttamente presso il Comando per una classe fino a 20 operatori.

Per maggiori informazioni, puoi contattarci attraverso la mail: info@idvex.eu

a cura di Gianluca Ciuchi Davie
CEO – Risks & Frauds Consultant